Simulazione Prestito INPDAP: Calcolo Rata e Preventivo


Sei un dipendente o un pensionato pubblico, hai bisogno di un prestito e vorresti sapere come effettuare il calcolo della rata, come avere un preventivo o fare una simulazione del piano di ammortamento?

Prestito INPDAP calcolo rata e simulazioneDa oggi tutto questo è più semplice in quanto l’INPS, da inizio gennaio 2016, ha messo a disposizione degli iscritti alla gestione ex INPDAP un apposito simulatore che permette di effettuare un calcolo preciso delle rate e dell’importo minimo e massimo ottenibile a prestito.

Ricordiamo infatti che i dipendenti e i pensionati del settore pubblico appartenenti alla gestione ex INPDAP dell’INPS o iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (il così detto “Fondo Credito”) possono accedere a prestiti a tasso agevolato, che nell’uso comune vengono chiamati “prestiti INPDAP“.

Questi prestiti possono essere erogati direttamente dall’INPS (che dal 1° gennaio 2012 è subentrato all’INPDAP diventando l’ente di riferimento anche per il pubblico) oppure da banche e società finanziarie convenzionate.

I prestiti erogati direttamente dall’ente sono il piccolo prestito e i prestiti pluriennali diretti, che vengono finanziati tramite il Fondo Credito e che sono quindi vincolati, ogni anno, alla disponibilità di fondi.

I prestiti in convenzione sono invece erogati da istituti di credito e finanziarie che hanno stipulato un accordo con l’ente, che fa però da garante per la restituzione del debito. In questo caso si parla di prestiti pluriennali garantiti.

Con il piccolo prestito personale si può ottenere una cifra di basso importo, utilizzabile come si vuole. In questi casi la durata è di uno, due, tre o quattro anni.

I prestiti pluriennali, invece, hanno durata quinquennale o decennale e sono dei finanziamenti finalizzati, in cui l’importo ottenuto deve essere utilizzato per finanziare una spesa ben precisa (esempio per l’acquisto o la ristrutturazione della casa, per l’acquisto di un’auto, per il matrimonio, la nascita di un figlio, cure dentarie o altro ancora).

In tutti i casi si tratta sempre di prestiti con cessione del quinto, in cui cioè l’importo della rata mensile non può essere superiore al valore di un quinto della pensione netta mensile o dello stipendio netto mensile del richiedente.


Simulazione preventivo prestiti INPDAP

Da inizio 2016 l’INPS Gestione Dipendenti Pubblici ha messo a disposizione degli iscritti un ottimo strumento che consente di fare una simulazione di prestito. In questo modo è possibile capire quanto si può ottenere con ogni tipologia di prestito erogata direttamente dall’ente, qual è l’importo della rata da pagare ogni mese e come avviene il rimborso del prestito (“piano di ammortamento”).

Come fare? Per effettuare la simulazione bisogna andare sul sito ufficiale dell’INPS www.inps.it, dalla homepage selezionare nel menu Servizi Online la voce “Accedi ai Servizi” e successivamente “Per tipologia di utente” e “Cittadino”.

Si ottiene un elenco di servizi rivolti ai cittadini e bisogna scegliere “Gestione Dipendenti Pubblici: simulazione calcolo piccoli prestiti e prestiti pluriennali”.

Si arriva quindi nell’area riservata alla simulazione, dove è possibile effettuare il calcolo per orientarsi sulla tipologia di prestito più adatta alle proprie esigenze.

Tramite il menu è possibile selezionare tre modalità di simulazione di preventivo.

1. Simulazione prestito

Consente di effettuare il calcolo dell’importo minimo e massimo che è possibile ottenere con una determinata tipologia di prestito.

Siccome, come abbiamo detto in precedenza, l’importo ottenibile varia in base all’importo del proprio stipendio mensile, bisogna indicare la cifra esatta del proprio stipendio netto, cioè l’importo che viene accreditato ogni mese in conto corrente, detraendo quindi le voci non fisse e continuative.

Bisogna poi indicare la propria data di nascita in quanto per ogni prestito è previsto un premio fondo rischi da versare all’ente, che varia in funzione della durata del prestito e dell’età del richiedente.

Una volta inseriti lo stipendio netto e la data di nascita bisogna cliccare sul bottone “Simula”.

Facciamo un esempio di preventivo impostando uno stipendio netto di 1.300€ e come data di nascita 01/01/1970.
Simulare preventivo prestito INPDAP


Una volta cliccato su “Simula” otteniamo le varie possibilità di prestito, cioè piccolo prestito al tasso del 4,25% con durata 12, 24, 36 o 48 mesi e prestito pluriennale diretto con tasso pari al 3,50% e durata 60 o 12 mesi.
Preventivi prestiti INPDAP

Nel caso del piccolo prestito della durata di un anno si può richiedere un importo pari ad una mensilità o a due mensilità (ma solo nel caso in cui non si abbiano altri rapporti creditizi aperti). Nel caso del prestito biennale l’importo può essere di due o quattro mensilità, con il triennale tre o sei mensilità e con il quadriennale quattro o otto mensilità. Nella tabella sono infatti riportati questi valori.

Cliccando su una tipologia di prestito si ottiene il dettaglio.
Calcolo rata piccolo prestito INPDAP


Quindi guardando l’esempio per il piccolo prestito annuale, con tasso 4,25% e durata 12 mesi, nel caso in cui si richieda l’importo minimo di una mensilità (nell’esempio 1.300€), si avrà:

  • importo rata: 110,80€
  • importo interessi: 6,75€
  • Importo spese amministrative: 6,50€
  • Importo spese fondo di garanzia: 2,21€
  • Importo netto ottenibile: 1.284,54€

Ricordiamo infatti che con il piccolo prestito INPDAP, oltre al tasso di interesse lordo (4,25%), è necessario pagare le spese di amministrazione (0,50% dell’importo lordo) e le spese per il fondo di garanzia, che variano in base alla durata del prestito e all’età di chi lo richiede.

In questo modo, partendo dal proprio stipendio netto e dalla propria data di nascita si ottiene un preventivo per ogni tipologia di prestito INPDAP, con calcolo della rata e delle varie spese da pagare, ottenendo quindi il valore dell’importo netto ottenibile con il finanziamento.

2. Simulazione prestito per rata ideale

Altra possibilità per ottenere un preventivo è quella di utilizzare il simulatore per “rata ideale”. In pratica, oltre al valore dello stipendio netto mensile e alla data di nascita, è possibile indicare l’importo della rata che si vorrebbe pagare ogni mese per rimborsare il debito.

Inserendo gli stessi dati dell’esempio precedente, cioè uno stipendio netto di 1.300 euro e data di nascita 01/01/1970, aggiungiamo il valore della rata ideale, ad esempio 200 euro.
Prestito INPDAP calcolo rata ideale


In questo modo si ottengono delle proposte in cui la rata mensile non eccede il valore impostato come “rata ideale”. Anche in questa simulazione cliccando sullo specifico preventivo di prestito si ottengono tutti i dati in merito al calcolo rata, spese aggiuntive e importo netto ottenibile.

Calcolare rata prestito INPDAP


Se come rata ideale si inserisce un valore troppo alto, si ottiene un messaggio di questo tipo: “La Rata Ideale deve essere inferiore a 259,79 euro”. Questo succede perché si tratta di prestiti da rimborsare con cessione del quinto dello stipendio e il valore della rata mensile non può essere superiore a un quinto dello stipendio netto (nel nostro esempio 1/5 di 1.300 euro).

3. Simulazione prestito per importo specifico

La terza modalità tramite cui è possibile ottenere una simulazione di preventivo è quella di indicare oltre a stipendio netto e data di nascita, la somma di denaro che si vorrebbe ottenere a prestito (l’importo deve essere almeno pari al valore di una mensilità netta di stipendio).

Anche in questo caso simuliamo il calcolo utilizzando gli stessi dati, cioè stipendio netto 1.300 euro e data di nascita 01/01/1970. Aggiungiamo l’importo che vorremmo ottenere, esempio 5.000 euro.
Preventivo prestito INPDAP importo soldi

Anche in questo caso otteniamo un preventivo dei vari tipi di prestiti erogati dall’INPS ex INPDAP che soddisfano le nostre richieste.
Prestiti INPDAP simulare preventivi importo

Cliccando su una riga si ottiene il dettaglio con i valori dell’importo della rata mensile, degli interessi, delle spese di amministrazione, delle spese per il fondo di garanzia, e dell’importo netto ottenibile a prestito.


Preventivo personalizzato e calcolo Piano di ammortamento

Mentre per calcolare la rata e l’importo massimo ottenibile non è necessario effettuare il login, per conoscere nel dettaglio il piano di ammortamento per il rimborso del credito è necessario entrare nell’area riservata utilizzando l’apposito PIN.

Loggandosi è infatti possibile accedere al “simulatore personalizzato” che permette di calcolare i preventivi utilizando i dati presenti negli archivi dell’INPS e visualizzare anche la simulazione del piano di ammortamento, con il calcolo della rata del prestito da rimborsare ogni mese e il dettaglio della quota interessi e quota capitale.

Per usufruire di questa possibilità bisogna sempre andare sul sito dell’INPS e dalla homepage seguire il percorso Servizi Online > Servizi per il cittadino > Servizi ex-Inpdap> Per area tematica > Credito. Qui occorre selezionare rispettivamente le voci “Piccoli Prestiti Iscritti – Domanda” oppure “Prestiti Pluriennali Iscritti – Domanda” per effettuare le simulazioni.




Categoria: Prestiti INPDAP
NB: inpdap.biz non è in alcun modo collegato a I.N.P.D.A.P. e I.N.P.S., ma è solo un sito informativo non ufficiale dedicato a dipendenti e pensionati pubblici.